Il silicone non è più appannaggio solo di alcuni settori ma è entrato a tutti gli effetti nella nostra quotidianità. In cucina, ad esempio, moltissimi utensili ed attrezzi sono ormai costruiti in silicone come:

presine

posate

manici di pentole

Già nei decenni passati la plastica è stata al centro dell’utilizzo per la fabbricazione di molti attrezzi casalinghi e non solo, prendendo il posto di materiali quali legno e acciaio.

Ma che cos’è il silicone?

Il silicone non è una semplice plastica ma un’unione tra gomma sintetica e polimeri di plastica. Si tratta quindi di un materiale molto versatile, economico e soprattutto antibatterico.

Rispetto ai vecchi utensili costruiti in legno, ad esempio, il silicone ha il pregio di resistere nel tempo e non diffondere batteri. Questione essenziale soprattutto in cucina e, in particolar modo, di questi tempi!

Come vengono stampati gli utensili?

Come tutti i prodotti industriali gli utensili in silicone sono stampati con macchine create apposta. Effebi infatti si occupa da anni di stampaggio di materie plastiche.

Perché utilizzare il silicone?

I vantaggi dell’utilizzo del silicone al posto di altri materiali, sono innumerevoli. Proviamo ad elencarne alcuni. Innanzitutto i prodotti creati in silicone hanno, ad esempio:

  • ottima stabilità termica
  • comodità
  • occupano poco spazio
  • non sono pericolosi come gli utensili/attrezzi costruiti in altri materiali
  • sono resistenti
  • sono pratici da pulire

Di norma inoltre questi utensili hanno punte arrotondate e non appuntite pratiche anche per i bambini e privi di rischi per questi ultimi.

Abbiamo parlato  di attrezzi costruiti e stampati con materiali siliconati ma, più in generale, la plastica è per così dire il materiale che per eccellenza si presta a versatilità e comodità nell’ambiente domestico. Il suo prezzo relativamente basso fa in modo che agevolmente possa anche essere sostituita velocemente.

E’ oltretutto facile trovare prodotti ricreati in serie così da sostituire il prodotto con un prodotto identico al precedente.

Seguiteci per maggiori informazioni seguici nei prossimi articoli.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *